Opere nel mondo
Ricerca avanzata

Sfera n. 5, 1965

bronzo
ø 80 cm
2 esemplari + 2 prove d'artista
AP 243
CAT. 368

Foto: Aurelio Barbareschi

(scheda 368 del Catalogo ragionato)


"Ecco ciò che mi muove a fare le sfere - dichiara Pomodoro nel 1964 - rompere queste forme perfette e magiche per scoprirne (cercarne, trovarne) le fermentazioni interne, misteriose e viventi, mostruose e pure".
La superficie lucida di bronzo riflette ciò che c’è intorno, restituendo una percezione dello spazio diversa da quello reale, e creando contrasti tali che a volte la forma si trasforma e non appare più: resta invece il suo interno, tormentato e corroso, pieno di denti e di grovigli.